D’Alessandro risponde a Core, Filipponi e Falini: il Sindaco non sa farlo e fa rispondere

ROMA – Rispondo volentieri alla cortese lettera di Core, Filippone e Falini, ringraziandoli per lo sforzo epistolare.
Vedo che il Sindaco non risponde o non sa rispondere, ma fa rispondere. Del resto la domanda era e rimane drammaticamente semplice, che riformulo : il sindaco si ricandiderà ? I firmatari della lettera vogliono che la declini ancora meglio ? Conviene ? Bene : è vero che si è già “spartita” oggi, almeno nei desideri, la torta di chi farà il candidato sindaco la prossima volta , omettendo di dirlo alla Città, mentre Gianguido sarebbe proiettato altrove? Da chi ?
Se non è vero, basta dirlo. I teramani hanno diritto di sapere, ma anche le forze in consiglio comunale se la nuova Giunta nasce da una spartizione, se Teramo è stata utilizzata per calcoli che non c’entrano nulla con l’impegno assunto nei confronti dei cittadini.
Se non è così basta dirlo. E perché mai non rispondere?
Sui percorsi politici i firmatari della lettera avrebbero fatto bene prima ad informarsi : io sono stato letto due volte in provincia e tre in Regione. Per essere chiari in qualunque ente dove ho avuto l’onore di essere eletto poi, al secondo mandato, ho chiesto la riconferma, l’ho ottenuta e sono andato avanti. Avete usato un esmpio sbagliato per aiutare il nascondimento di Gianguido.
Non condivido della vostra lettera , in particolare, il vostro furore argomentativo tipico di chi al massimo butta la palla sugli spalti .
Tuttavia la vostra lettera almeno ha il coraggio di elencare, a vostro giudizio , valutazioni critiche su fatti e persone , che avrebbero determinato la scelta della esclusione di Italia Viva.
Ma perché non lo ha detto il Sindaco in conferenza stampa ? Un altro nascondimento? Non lo dice, ma lo fa dire? Ancora ?
Un sindaco che non dice, che non risponde , che fa dire , che si nasconde , che fugge ? Questo è il Sindaco di Teramo? Io conosco Gianguido e non credo sia così, ma la vostra lettera lo espone ancora di più.
La palla che avete lanciato sugli spalti io la sono andata a raccogliere e la rimetto al centro del campo : Gianguido si ricandiderà? Perché non risponde?
Nonostante tutto , nonostante la vostra lettera, se ci sarà occasione di sedersi, per rintracciare il dialogo smarrito, io ed Italia Viva ci saremo. Il progetto dell’alternativa al malgoverno regionale vale di più delle nostre divisioni e Ginaguido vale di più se non gioca a nascondino, poi rischia di essere tanato.

On. Camillo D’Alesandro

 

Ps: ritenevo mio dovere rispondere perché in generale, ma ancora di più per chi svolge un ruolo pubblico , chi è interrogato ha il dovere di rispondere, non mi nascondo nel palazzo. Per il futuro non vorrei stancare i cittadini di Teramo in questa diatriba epistolare, ma se non rispondessi sarei come chi non risponde.

Read Previous

Tagli corse TUA per Roma, il Comune di Teramo fortemente contrario

Read Next

Sanità, l’Assessora Verì replica ai sindacati: sbagliano!