Breaking News :

VIDEO | Sito inquinato Bussi, prime audizioni Commissione d’Inchiesta. Legnini: accerteremo responsabilità su ritardi bonifica

L’AQUILA – Bussi, al via le prime audizioni in Commissione. Il presidente Legnini: “E’ necessario agire con urgenza per completare la  messa in sicurezza e stringere i tempi dell’avvio della bonifica, perché  sta emergendo  che i fattori di rischio per l’ambiente e la salute sono  gravi e persistenti ”E’ proseguito con l’audizione dei primi soggetti interessati il lavoro della Commissione d’inchiesta su Bussi e oggi entrato nel vivo con l’audizione del Sindaco di Bussi Salvatore La Gatta e il manager dell’Arta Abruzzo Francesco Chiavaroli, presente con i tecnici Lucina Luchetti responsabile dell’Ufficio siti contaminati e Sin e il dirigente Roberto Cocco che sono stati ascoltati e hanno interloquito dai consiglieri componenti.“Abbiamo ascoltato con grande interesse i nostri interlocutori odierni, che ringrazio anche per la nettezza con cui hanno descritto la situazione che ci sembra preoccupante e da affrontare al più presto – così il presidente Giovanni Legnini – Dalle audizioni è emerso che la messa in sicurezza del sito  così come la caratterizzazione devono ancora essere completate e la bonifica deve essere avviata, benché l’azienda inquinatrice abbia  iniziato in parte le attività preliminari . Molto preoccupante per l’ambiente e la salute si presenta anche il sito di Bolognano, interessato dall’ex insediamento della Montecatini. Al sindaco di Bussi e al direttore generale dell’Arta abbiamo chiesto di fornire tutti i documenti  e gli elementi utili a descrivere dettagliatamente la situazione dei siti inquinati  e i diversi gravi problemi segnalati. La settimana prossima proseguiremo con le audizioni del Direttore del settore Bonifiche del Ministero dell’Ambiente , del Direttore del settore Ambiente e rifiuti della Regione e dei rappresentanti del forum H2O” .

Read Previous

Giulianova inaugura la Rassegna Letteraria “Incontri d’Autore”

Read Next

Teramo, il Comune ripropone il Concorso dei Presepi