Alta Velocità, il Movimento “Val Vibrata Monti della Laga”: non isoliamo la provincia di Teramo

NERETO – Il Movimento civico “Val Vibrata Monti della Laga” torna a sensibilizzare sull’ipotizzato collegamento ferroviario Tirreno Adriatico nell’ottica di una espansione turistica del territorio.

In un documento dello scorso del 18 giugno il Comitato civico aveva lanciato una sorta di appello alla politica nazionale, regionale e provinciale sulla viabilità della Val Vibrata e le sue problematiche.

Dal Governo si profila la possibilità che questo collegamento debba essere fatto secondo la direttrice ROMA-
PESCARA (in alta velocità), invece il nostro movimento e dell’avviso che l’attuale linea ROMA-PESCARA vada
potenziata e senz’altro migliorata ma che il collegamento ad alta velocità debba essere realizzato secondo la
direttrice ROMA-L’AQUILA-TERAMO-VAL VIBRATA coinvolgendo i due rami secchi GIULIANOVA-TERAMO” e”
PORTO D’ASCOLI-ASCOLI”.

Stamane in una conferenza indetta a Nereto, alla presenza del Presidente Domenico Di Mattero e del Vice Presidente Tito Rubini, si è ribadito il concetto: “si parla di Ferrovia Roma Pescara e si bypassa la provincia di Teramo. Da qui l’idea della direttrice per la Val Vibrata. “Se non verrà realizzato il suddetto progetto, Teramo e L’Aquila saranno sempre più penalizzate e isolate dal contesto“.

 

Read Previous

Alba Adriatica conquista il titolo di “Citta’ che legge” per il biennio 2020/2021

Read Next

Tre speleologi bloccati in grotta a Roccamorice: sul posto i sommozzatori dei Vigili del Fuoco