Roseto, madre e figlio costretti a vivere in una baracca sul lungomare: la denuncia dello Sportello Sociale USB

ROSETO – Da diversi mesi, nonostante il freddo invernale e il maltempo degli ultimi giorni, una madre e suo figlio appena maggiorenne vivono in una baracca sul lungomare nord della cittadina di Roseto.
Dopo la segnalazione di alcuni compagni, abbiamo contatto il piccolo nucleo familiare e come Sportello Sociale Usb di Teramo preso in carico il caso. Sapevamo che la situazione in questione fosse seria e complessa, ma mai avremmo potuto immaginare così tanto al limite. Davanti ai nostri occhi si è presentata infatti una condizione insostenibile, una storia di totale abbandono da parte di tutti e tutto. Per prima cosa abbiamo ritenuto opportuno contattare l’amministrazione comunale per informarla circa la gravissima e disumana condizione dei due.
Il sindaco, nella giornata di lunedì 29 aprile, ci ha ricevuto e garantito un’immediata soluzione per il giovedì successivo attraverso l’intervento degli assistenti sociali del comune.
Tale decisione è stata rinviata a domani lunedì 6 maggio.
Confidiamo e restiamo fiduciosi, ma comunichiamo al tempo stesso di essere pronti alla mobilitazione sin dal prossimo sabato 11 maggio qualora non venga trovata una soluzione tempestiva e appropriata.
Invitiamo la cittadinanza di Roseto a non restare indifferente.
Sportello Sociale Usb di Teramo

Read Previous

E’ deceduto Franco De Nigris: il cordoglio della Banca del Gran Sasso

Read Next

Colpo a San Nicolò, coppia di ladri intercettata a Sant’Omero riesce a fuggire a piedi