PESCA, L’ASS.RE PEPE HA MONITORATO CON LA GUARDIA COSTIERA LE OPERAZIONI DI RICOLLOCAMENTO DELLA VONGOLA

GIULIANOVA – Alle prime luci di questa mattina, l’Assessore regionale abruzzese Dino Pepe, con delega, tra le altre, alla Pesca, Economia del Mare e Demanio Marittimo, Tenente di Vascello Claudio Bernetti, si è imbarcato sulla nuova motovedetta CP706, recentemente assegnata al Comando giuliese per potenziarne l’attività di controllo pesca, ed ha seguito, in prima persona, le operazioni di ricollocamento di grossi quantitativi di vongola “chamelea gallina” operate dalla flotta di pescherecci del Co.Ge.Vo. Abruzzo.

L’attività odierna completa, di fatto, una prima fase di operazioni che questa estate aveva visto delocalizzare il prodotto ittico dalle zone prospicenti gli arenili dei Comuni interessati da interventi urgenti di ripristino dei litorali a nuove aree cosiddette di “restocking“, al fine di limitare l’impatto ambientale delle stesse operazioni di ripristino degli arenili della risorsa-vongola.

In questa seconda fase, invece, sotto l’occhio vigile della Guardia Costiera, le vongolare stanno portando a termine un ulteriore “progetto pilota”, consistente nel ricollocamento della risorsa in zone più distanti dalla costa, per aumentarne, nell’ambito di una gestione oculata e lungimirante della risorsa, la tutela e le condizioni di crescita in un habitat che sostenga uno sforzo di pesca maggiormente sostenibile a vantaggio della qualità dello stesso prodotto.

L’iniziativa, che ha “fatto scuola” a livello nazionale, seguita e promossa dall’Assessorato regionale alla pesca, ha coinvolto i Comandi abruzzesi della Guardia Costieratra i quali quello di Giulianova – in ragione delle proprie competenze in materia di tutela della pesca e della risorsa ittica, assicurate nella propria veste di articolazione periferica del Ministero delle politiche agricole.

In un clima di perfetta intesa istituzionale, l’Assessore Dino Pepe ha potuto constatare l’articolato quadro delle attività di pesca che si svolgono lungo la costa teramana in particolare, e quelle operative assicurate dalla Guardia Costiera, per garantire alle stesse una cornice di sicurezza e di legalità.

Read Previous

RUZZO, TERAMO 3.0 FA LE PULCI AL CDA: “UN SISTEMA CHE FA ACQUA DA TUTTE LE PARTI”

Read Next

GIULIANOVA, IL 7 DICEMBRE AL KURSAAL PRESENTAZIONE DEL VOLUME “ABRUZZO. SEDUZIONE SENZA TEMPO”.