Scuola, solo 9 posti in più per personale Ata: la denuncia della Flc Cgil Teramo

TERAMO – L’Ufficio scolastico regionale  dell’Abruzzo ha informato le Organizzazioni Sindacali sugli organici del personale ATA (ausiliario, tecnico e amministrativo) per il prossimo anno scolastico 2020/21.  In regione  l’organico sostanzialmente è rimasto invariato:  su base regionale si registrano solo nove posti in più.
La ripartizione in  provincia di Teramo dell’organico  è più o meno simile  a quella dell’anno scolastico precedente. I posti in più sono stati attribuiti a recupero del taglio che c’era stato l’anno scorso.
 Di seguito una tabella riepilogativa dei dati.
ORGANICI ATA PROVINCIA DI TERAMO
profiloorganico 18/19organico 19/20differenza postiorganico 20/21differenza posti
collab.scol.755754-17551
ass. amm.24624602471
ass. tecn.53530530
DSGA37381391
altri99090
totale11001100011033
Nei prossimi giorni l’Ambito territoriale provinciale  di Teramo (ex Provveditorato) dovrà  attribuire alle singole scuole tali organici, ma dovrà anche far fronte alle richieste di posti in più. Operazione non semplice poiché le aspettative e le esigenze delle singole istituzioni scolastiche sono superiori agli organici attribuiti. Soprattutto in questo periodo.
Veniamo da due emergenze:
 1) i drastici tagli operati negli anni scorsi (nel giro di pochi anni in provincia sono stati ridotti gli organici ATA di ben 279 posti);
 2) la necessità di organici aggiuntivi per far ripartire in sicurezza le scuole a settembre in tempi di COVID – 19.
Con questi numeri non si potrà  garantire una ripartenza in sicurezza, vista anche l’emergenza epidemiologica che potrebbe tornare. Comunque la ripartenza delle scuole a settembre richiederà un notevole aggravio di lavoro, in particolar modo per i collaboratori scolastici, ma anche per gli assistenti amministrativi, per i tecnici e per i lavoratori del Convitto. Mancano i DSGA in alcune scuole. Di tutto ciò non si è tenuto conto nella determinazione degli organici.
C’è bisogno di un organico aggiuntivo per garantire il funzionamento del servizio scolastico. Si pone, pertanto, la necessità di derogare ai numeri  comunicati nelle tabelle ministeriali. Ma l’USR Abruzzo solitamente non interviene nell’autorizzare deroghe per l’assunzione di nuovo personale in aggiunta a quanto determinato nelle tabelle ministeriali. Eppure bisogna ricordare che non autorizzare le deroghe (quando sono chiaramente motivate) pone a rischio le scuole e determina delle responsabilità, anche penali, dovute all’impossibilità di garantire la sicurezza.
Non è il momento di continuare a fare promesse sulla scuola. Occorre passare ai fatti: aumentare gli organici ATA in modo da consentire alle scuole di poter programmare la ripartenza in sicurezza, per quanto possibile, in un periodo così delicato.
FLC CGIL TERAMO

Read Previous

Commissione sanità, giovedì torna a riunirsi in Emiciclo

Read Next

Non è Francesca… a margine della commissione tiene banco la presenza della Di Timoteo nel 2 giugno del centro-destra