Paolucci (PD): “Ricostruzione di qualità e rinascita socioeconomica del cratere”

PESCARA – “Riaccendere i riflettori sulla ricostruzione”: questo l’obiettivo dell’iniziativa in diretta streaming “Ricostruzione di qualità”, introdotta e moderata da Luigi Trinca del PD di Norcia, a cui hanno preso parte, oltre al presidente della regione Lazio, Nicola Zingaretti e al commissario straordinario per la ricostruzione post sisma 2016, Giovanni Legnini, anche i capigruppo del PD delle Regioni Abruzzo (Silvio Paolucci), Lazio (Marta Leonori), Marche (Maurizio Mangialardi) e Umbria (Tommaso Bori).

Questo primo appuntamento – spiegano i quattro capigruppo Dem – è servito a ribadire l’opportunità di avviare un’azione politica congiunta, che possa indirizzare la ricostruzione verso una maggiore qualità degli interventi ma anche nell’ottica di una rinascita socio-economica dei territori del cratere. Nel corso dell’incontro è emerso da più parti, quanto l’emergenza sanitaria abbia fortemente condizionato le attività della ricostruzione a causa delle note restrizioni, ma anche per le difficoltà vissute dai cittadini, dai professionisti, dalle imprese, dal personale dei Comuni e dagli USR. Questa situazione avrebbe potuto rappresentare il colpo di grazia rispetto alle aspettative dei quei territori. E invece, nonostante tutto, grazie all’opera messa in campo, da un anno a questa parte, dal Commissario Legnini, si sono fatti grandi passi avanti”. Per Paolucci, Leonori, Mangialardi e Bori “aver scongiurato il rischio reale di un blocco, o di un ulteriore rallentamento del processo ricostruttivo non era affatto scontato. La nuova struttura commissariale è riuscita invece a far partire la ricostruzione attivando ogni misura consentita dalla legislazione vigente per alleviare le enormi difficoltà scontate in passato. Oggi più che mai – affermano – è necessario guardare oltre, e mettere in campo azioni sinergiche che puntino a sostenere la rinascita di quei luoghi, anche attraverso una forte azione di rilancio economico, sociale, turistico e culturale. Da qui l’idea di lavorare tutti insieme per la nascita di vero e proprio “cantiere Centro Italia”, così come è stato recentemente proposto da Nicola Zingaretti, che permetta alle quattro regioni di operare congiuntamente sui temi della ricostruzione ma anche nell’ambito dell’innovazione e della sostenibilità, delle infrastrutture e della ricerca. il Partito Democratico intende lavorare con convinzione ad un’Italia Mediana-Regione d’Europa, che, a partire dai luoghi del terremoto, sia in grado di cogliere al meglio le opportunità del Pnrr, creando nuove occasione di sviluppo e maggiori opportunità di crescita e lavoro”.

Bisogna investire su temi capaci far decollare un nuovo modello di sviluppo che veda le istituzioni unite e in piena sinergia – ha sottolineato il capogruppo Pd Silvio Paolucci nel suo intervento –. Così sarà possibile affrontare la fragilità di questi territori e incrociare a tal fine le risorse a disposizione, coniugando i fronti di intervento, non ultimo lo spopolamento che vivono le aree interne, iniziato ancora prima del terremoto. È il momento migliore per farlo, perché grazie alla competenza e all’azione del commissario Legnini la ricostruzione ha finalmente avuto una svolta positiva e, soprattutto operativa. Mettere al centro il cantiere Italia, significa mettere al centro il cambiamento e i servizi, investendo su ambiti di prossimità, come il digitale, le infrastrutture e la trasversalità, che sono il viatico migliore per il futuro sviluppo delle aree interessate”.

Read Previous

Isola del G.S., il PD contrario alla manovra di bilancio dell’amministrazione Ianni

Read Next

Supergol, Lega Pro “orgogliosamente” in sofferenza: Ghirelli tra presente e futuro

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: