Sicurezza a Martinsicuro, Città Attiva: nessuna iniziativa di rilievo nell’agenda comunale

Riceviamo e pubblichiamo alcune considerazioni dell’Associazione Città Attiva guidata da Paolo Camaioni sulla sicurezza urbana, alla luce dell’ultimo, pesante furto accaduto nella zona industriale nella notte tra il 30 Aprile e l’1 Maggio.

Vogliamo innanzitutto manifestare la nostra solidarietà piena ed amichevole agli imprenditori colpiti dal furto di due giorni fa, che portano avanti con fatica le loro attività e che hanno visto violato il loro ambito lavorativo proprio nella notte precedente la festa del Primo Maggio.

I Cittadini più attenti ricorderanno come gli amministratori attuali hanno sempre utilizzato i frequenti furti nella zona industriale di Martinsicuro per attaccarci quando eravamo al governo della Città e chiedere un’apposita commissione per destinare l’1% dei fondi di bilancio ad una società di vigilanza privata, proprio per pattugliare la zona industriale. Dispiace constatare come, ancora una volta, quello che veniva richiesto a noi non venga assolutamente messo in campo da chi oggi ha l’onere di amministrare. Oltre ai proclami legati alla solita storia poco credibile del taglio alle indennità e che, a loro dire, avrebbe partorito solo la telecamera posta all’incrocio tra via Roma e via Colombo, vale la pena ribadire come attualmente per la sicurezza non ci siano iniziative di rilievo nell’agenda dell’Amministrazione Comunale, prova ne sia che per il terzo anno consecutivo, il posto stagionale di Polizia verrà collocato ad Alba Adriatica o che non siano riusciti ad approntare alcun progetto con i 42.000 Euro ricevuti dal Governo Centrale per fare fronte all’abusivismo commerciale e di cui hanno beneficiato tutti i Comuni costieri.

Secondo la nostra esperienza amministrativa ed il nostro punto di vista che in questi anni non è mai cambiato, queste sono le principali necessità su cui lavorare, coinvolgendo l’intero Consiglio Comunale:

  1. Chiedere il potenziamento della Locale Stazione dei Carabinieri, il cui organico e le modalità di funzionamento non sono sufficienti alle esigenze di una Città come la nostra;
  2. Chiedere continuamente al Comando Provinciale dei Carabinieri ed alla Questura di attivare controlli a largo raggio sugli obiettivi sensibili, almeno ogni 15 giorni;
  3. Reperire le risorse per attivare un turno notturno di Polizia Locale
  4. Tornare ad impegnarsi per dotare Martinsicuro di un Posto di Polizia permanente.

La nostra storia recente testimonia come a noi interessi la qualità della vita e la tranquillità dei Cittadini, per cui spiace constatare come, ancora una volta, quello che veniva chiesto a noi non venga applicato oggi. Tra le risorse economiche che i nostri successori si sono trovati due anni fa e quelle che stanno ricevendo tra Stato e Regione, dopo due anni si sarebbe potuto e dovuto vedere molto, anche sulla sicurezza, invece siamo ancora alla stagione del festival delle buone intenzioni… con risultati zero.

Read Previous

Bandiere Blu: salgono a 10 in Abruzzo e la provincia di Teramo ne conserva 5 

Read Next

Acqua del Gran Sasso e traforo: 10 punti per risolvere la crisi. Per il Forum H2O plauso alla Provincia meno alla Regione