FOTO | Successo a Pineto per gli Itinerari del Gusto. Oltre 3mila persone hanno gustato le virtù 

Anche quest’anno il Primo Maggio a Pineto si conferma un successo, sia in termini di presenze che di qualità dell’offerta proposta. Nei circa 60 ristoranti aderenti all’iniziativa “Itinerari del gusto”, il percorso di collaborazione virtuosa portato avanti dal Comune di Pineto ormai da cinque anni, sono state proposte le virtù. Il piatto, a base di legumi, verdure e paste di vario genere – che trae la sua fondamentale caratteristica dalla stagione in cui è possibile utilizzare la varia gamma di verdure e legumi con l’auspicio di una bella stagione ricca di frutti e di un buon raccolto – è stato degustato da oltre 3mila persone. Sul palco del Parco della Pace dalle 10,30 c’è stata animazione per bambini e, dalle 13, numerosi gruppi si sono alternati con la loro energia e il loro entusiasmo. Tra questi i Tafka Tafka, la tribute band della Bandabardò, Indiano Salentino e Artetnica per concludere con i dj set, il tutto arricchito da stands gastronomici. L’iniziativa, fortemente voluta e patrocinata dall’Amministrazione Comunale, è stata organizzata dalle associazioni Summer Smile e Asd Antares Sporting Club.

L’esperienza degli Itinerari del Gusto anche nel periodo di Pasqua di quest’anno ha ottenuto un ottimo riscontro con la scelta di proporre nel menu le mazzarelle, ovvero involtini di coratella di agnello avvolta in foglie di indivia legati con budelline dello stesso agnello. Si tratta di una iniziativa che punta a far conoscere ai cittadini e ai turisti piatti tipici che connotano, grazie agli ingredienti e alla tecnica di preparazione, una cultura culinaria straordinaria e aiutano a far conoscere il territorio e la sua storia e la sua economia, tra i piatti valorizzati anche il brodetto alla pinetese che negli ultimi tre anni si è aggiunto alla rete riscuotendo un grande successo.

Read Previous

Teramo, la stagione di danza chiude con il balletto della Spellbound dedicato a Rossini

Read Next

Cast, terzo tour del Gran Sasso e pellegrinaggio a San Gabriele con le auto d’epoca