Teramo, primavera nella Villa comunale con “Il gioco del cigno a rifiuti zero”

Rifiuti Zero Abruzzo presenta:

IL GIOCO DEL CIGNO A RIFIUTI ZERO

Gioco ecologico per educare i bambini al rispetto della natura e del bene pubblico

Forse non tutti sanno che la Villa Comunale di Teramo in origine ospitava un Orto Botanico Agrario Sperimentale dedicato al Prof. Ignazio Rozzi, medico e naturalista teramano. Istituito nel 1841 dalla Reale Società Economica, nel tempo arrivò ad accogliere oltre 1017 specie di varietà vegetali diverse. Nel 1888, dopo lo scioglimento della Reale Società Economica e su volontà dell’allora sindaco Emidio Cerulli, l’Orto Botanico venne trasformato in Villa Comunale, con l’eliminazione delle aiuole e la realizzazione del laghetto, secondo il progetto dell’ingegnere Ernesto Narcisi, che si ispirò ai giardini informali di stile romantico.

L’Associazione Pronatura Laga, in collaborazione con Legambiente Teramo e Rifiuti Zero Abruzzo, ha recentemente presentato un bellissimo e dettagliato progetto all’Amministrazione Comunale di Teramo per ripristinare l’originaria vocazione dell’area ricadente all’interno della Villa Comunale di Teramo, restituita recentemente al suo antico decoro dall’attuale assessore all’ambiente dott. Valdo Di Bonaventura. L’Orto Botanico Didattico, che occuperà alcuni settori liberi dalla vegetazione arborea, avrà lo scopo di valorizzare gli spazi verdi della Villa Comunale coniugando le conoscenze scientifiche con la conservazione della biodiversità, per sensibilizzare la realtà scolastica locale sul ruolo fondamentale che i vegetali ricoprono negli ecosistemi e nella nostra vita.

L’occasione per far conoscere questo interessante progetto è data dalla quarta edizione del contest STAR BENE in cui l’A.P.S. Rifiuti Zero Abruzzo inviterà i bambini della città a partecipare al gioco ecologico IL GIOCO DEL CIGNO A RIFIUTI ZERO, ispirato ad uno dei più famosi giochi di società e in onore dei bellissimi cigni che popolano il laghetto della Villa Comunale. Il gioco è stato pensato per far conoscere il patrimonio naturalistico della città e per sensibilizzare i più piccoli sul tema importante del rispetto dell’ambiente favorendo la cooperazione e l’attività di gruppo. Lanciando dei grandi dadi colorati, i giovani partecipanti potranno intraprendere il coinvolgente e coloratissimo percorso di animazione, attraverso il quale imparare semplici accortezze con cui conoscere e rispettare l’ambiente in modo divertente ed immediato. Avvincenti manches di gioco decreteranno i vincitori per celebrare l’arrivo della primavera e favorire la nascita di una coscienza ambientale nei bambini, quali promotori di una cultura ecosostenibile e futuri custodi del nostro pianeta.

Read Previous

Nuovo Ospedale a Villa Mosca: il Comitato supera le 3.000 firme

Read Next

Bellante, il 7 marzo presentazione del libro “La Massoneria in Abruzzo verso il Duemila e oltre”