PROVINCIA, SCARPANTONIO: “IN VAL VIBRATA IL PD HA FATTO IL PROPRIO DOVERE, ALTROVE QUALCUNO NON HA LAVORATO”

TERAMO – Non ci sta il consigliere provinciale Dem, Mauro Scarpantonio, a leggere critiche, velate o meno, al Partito Democratico vibratiano (e al lavoro di tutto un territorio) sull’analisi del post voto in Provincia. “Non e’ certo  la  Val Vibrata a non avere dato il suo contributo, ma e’ vero il contrario.” – afferma Scarpantonio. Il riferimento e’ alla cosiddetta fascia rossa di comuni medio grandi dove Giuseppe D’Alonzo ha di fatto perso diversi voti: ne mancano infatti all’appello 10. Dei 45 voti attesi, ne sono arrivati 35. Dove sono finiti i 10 consiglieri? “Sicuramente non appartengono ad Alba Adriatica, a Tortoreto ed a Martinsicuro, i tre comuni vibratiani della fascia” – incalza Scarpantonio, che prosegue – “il perche’ e’ presto detto: contavamo 14 voti e ne sono arrivati 13. Un consigliere, tra l’altro, non ha potuto recarsi al voto ma lo sapevamo ed era giustificato.  Dunque? Rimangono 9 consiglieri all’appello per Giuseppe D’Alonzo. Ma, come dimostrato dai numeri, vanno ricercati negli altri comuni della fascia rossa (Roseto, Pineto, Atri e Silvi – ndr)”.
Il consigliere Scarpantonio nel concludere plaude al lavoro del PD vibratiano e dell’Assessore Dino Pepe: “Da parte nostra non ci siamo risparmiati e abbiamo lavorato, sicuramente qualcun altro no, anche se non so chi sia e il perchè. Confido che nel prossimo tavolo della direzione provinciale vengano chiariti tali aspetti”.

Read Previous

NERETO, TORNA LA TRADIZIONALE SAGRA DI SAN MARTINO

Read Next

TERAMO, IL SINDACO INCONTRA DELEGAZIONE STUDENTI CANADESI IN VISITA AL “DI POPPA”