Mini discariche a Teramo, partite le fototrappole ma… lunga è la “via”: per il Verde si spende troppo poco

TERAMO –  E’ partito da qualche giorno il servizio delle fototrappole del Comune di Teramo in collaborazione con le Guardie Ambientali d’Italia. Gli apparecchi sono in corso di collocazione nei vari punti critici della città. Dispiace constatare che nel frattempo, dove ancora non sono state collocate, gli sporcaccioni e gli incivili continuino a buttare immondizia di ogni genere. Come in Contrada Secciola, ma non solo. Pochi mesi fa l’amministrazione comunale aveva bonificato l’area, ma da alcuni giorni i rifiuti sono ricomparsi. Ma, dicevamo, sono diversi i punti critici. Il Comune per ora fa quello che può, ma per il Verde si spende troppo poco, come si fa a gestire con gli spiccioli la manutenzione? Perchè con i fondi europei a disposizione proprio relativamente all’ambiente non si sviluppano progetti? Nel frattempo che arrivano le risposte, speriamo che il detterrente delle fototrappole (e salatissime multe da 3.000 euro) faccia desistere i maleducati. Sulla loro rieducazione invece, poche speranze.

Read Previous

VIDEO | Gran Sasso, la Provincia sigla documento congiunto su sicurezza. “Commissario non prioritario. Lo faccia Governatore Marsilio” e poi sui Laboratori…

Read Next

Sant’Omero, sabato inaugurazione sede elettorale del candidato Sindaco Andrea Luzii