TERAMO – Dopo l’estate ripartirà il sondaggio deliberativo a Teramo che mira ad approfondire tutto quello che riguarda l’area esterna al progetto di recupero del Teatro Romano. E’ stato questo l’oggetto della conferenza stampa promossa dall’Associazione culturale Demos (presenti Carlo Di Marco e Michele Raiola), indetta nella sede del Comitato di Quartiere San Berardo. Sondaggio promosso lo scorso anno e poi “arenatosi” in questi mesi a causa del Covid 19.

Era stata, nel frattempo, creata la commissione di garanzia ed arrivato il patrocinio da parte del Comune di Teramo con apposita delibera di giunta. Ma poi, come detto, è arrivato il Coronavirus che ha sospeso i lavori.

Tornando al Teatro Romano, questa mattina, è stato fatto un excursus sulle vicende degli ultimi anni, ricordando anche le vicissitudini per arrivare alla chiusura del progetto definitivo.

Alla fine siamo contenti si sia chiusa questa prima partita, ha spiegato Michele Raiola,  così come accogliamo con favore  la delibera sul regolamento per la democrazia partecipata, approvata ieri in Consiglio comunale. Finalmente c’è la volontà politica di informare i cittadini in modo neutro e imparziale. Grazie alla democrzia partecipata, e il nostro proposito va in questa direzione, si mettono le basi giuste per riuscire a far costruire alla cittadinanza una propria opinione su quanto sta accadendo nel modo giusto“.